FED CUP AMARA PER LE AZZURRE: 2-0 BELGIO DOPO LA PRIMA GIORNATA - Real Tennis
Real Tennis

FED CUP AMARA PER LE AZZURRE: 2-0 BELGIO DOPO LA PRIMA GIORNATA

L’Italia si trova a un passo dall’eliminazione sui campi in terra rossa di Genova

Nel primo match di giornata di Fed Cup, Elise Mertens, leader del gruppo belga (semifinalista agli Australian e già vincitrice di due titoli Wta quest’anno) sconfigge Jasmine Paolini (145 Wta) con lo score finale di 6/1 7/5.
Dopo un primo set dominato dalla numero 17 del mondo, l’italiana ha finalmente rotto il ghiaccio, entrando in partita e trovandosi anche avanti nel corso del secondo set. Un secondo set dall’epilogo piuttosto amaro però, con la Paolini che ha mancato 3 set point sul 5/4 e ha poi subito la rimonta della sua più esperta avversaria che ha chiuso il match vincendo tre giochi consecutivi.

 

Errani vs Van Uytvanck

Nel secondo match, contro pronostico, Sara Errani cede ad Alison Van Uytvanck dopo una battaglia durata 2 ore e 42 minuti, per 6/4 6/7(6) 6/2. La tennista romagnola è incappata in una giornata da dimenticare per quanto riguarda il servizio. Dopo aver perso il primo set per 6/4 con un totale di 10 doppi falli (saranno 17 alla fine del match) con nessun turno di battuta tenuto. A inizio secondo set poi, la belga ha preso fiducia trovando vincenti di grande potenza, conducendo per 3/1 e poi 4/2.

Ma proprio in quel momento Sarita ha ritrovato la grinta che la caratterizza ed è riuscita a rimettere in piedi un match che sembrava ormai ai titoli di coda. L’italiana infatti riesce finalmente a sbloccarsi al servizio e a portare la sua avversaria al tie break, in cui ha anche annullato un match point, prima di trascinare, col cuore, il match al terzo.
La Van Uytvanck è stata però brava a mantenere lucidità e a non subire il contraccolpo psicologico per la chance non sfruttata in precedenza. Dopo una serie di break iniziali, è stata la belga ad allungare per prima, per poi chiudere con un agevole 6/2.

Una prima giornata che lascia non poco rammarico alle azzurre e lascia ancora meno speranze per quella che sarebbe una rimonta miracolosa.

 

Oggi ci saranno gli altri due singolari e l’eventuale doppio e, ciò che è certo, è che alla nostra squadra non mancano il cuore e la grinta, e chissà che non accada allora davvero un miracolo!