ROGER FEDERER | Real Tennis
Real Tennis

ROGER FEDERER

Nazionalità
Svizzera
Luogo di nascita
Basel
Data di nascita
08/08/1981
Altezza
1,85
Peso
85 kg
Mano
dx
Coach
Ivan Ljubicic + Severin Luthi
Sito ufficiale
www.rogerfederer.com

Roger Federer e la sua incredibile tecnica di gioco che, come disse Jonas Bjorkman: è la cosa più vicina alla perfezione nel tennis.

 

roger federer

IL GIOCO, QUASI PERFETTO, DI ROGER FEDERER

Come descrivere i virtuosismi di Roger Federer?

Ci piace usare le parole impiegate dal compianto compianto scrittore David Foster Wallace, grande appassionato di tennis il quale, in un articolo pubblicato sul New York Time, associò Roger Federer ad un’esperienza religiosa significando con quest’espressione la grande classe impiegata dal giocatore svizzero nel compiere qualsiasi gesto, qualsiasi colpo.

Wallace descrive i “Federer Moments” come quelle sensazioni che solo chi ama il tennis può provare nel vedere Roger giocare dal vivo e capire, così,  l’impossibilità di quello che ha appena visto.

Queste le parole con le quali Wallance descrive la finale del 2006 al Centre Court di Wimbledon tra “Colui che ha reinventato la potenza del gioco moderno“, Nadal, e colui che, invece, “quel gioco moderno lo ha trasfigurato“, Federer, per l’appunto.

Il dritto di Federer è una frusta liquida, il suo rovescio può essere piatto o tagliato. Il suo servizio ha una classe e una “laurea di piazzamento” a cui nessun’altro può nemmeno pensare di avvicinarsi. Le sue intuizioni, la sua anticipazione e senso del campo sono di un altro mondo, così come il suo lavoro di piedi,  non a caso da ragazzo era un prodigio pure nel calcio. Tutto questo è vero, e niente di esso spiega realmente niente, o evoca perlomeno, l’esperienza derivante dal guardare quest’uomo giocare. O meglio, essere testimoni a occhio nudo della bellezza e del genio del suo gioco“.

Un lirismo, quello della “frustata liquida”, che spiega l’apparente mancanza di sforzo impiegata da Federer nei suoi colpi; quasi giocasse con il braccio privo delle ossa, liquido appunto o, come spiegò meglio Wallace “una creatura il cui corpo è vivo, ma allo stesso tempo senza peso“.

La sua leggiadria nei movimenti è cosa nota al punto che, in molti,  lo hanno paragonato ad un ballerino.

Roger Federer simbolo, insomma, del tennis perfetto? Qualcuno dice di no a fronte di un rovescio che, seppur meraviglioso, gli ha dato qualche problema sulle diagonali di sinistra e di un difetto, ancora perpetrato, sugli incontri molto giocati , soprattutto nell’atto finale e decisivo. Abbiamo esempi come Gli Aus Open 2005 e 2009, Roma 2006, Wimbledon 2008 e 2014, piuttosto che i recenti US Open 2015. Non sarà così perfetto, ma, d’altro canto, la bellezza soggiace all’imperfezione e forse è anche questo il motivo per il quale Roger Federer, ovunque vada, trovi orde di fan a suo sostegno, nemmeno giocasse l’incontro di casa.

Della stessa opinione Jonas Bjorkman che, sconfitto da Federer nella semifinale di Wimbledon del 2006, disse di essere stato onorato di avere avuto il miglior posto per vedere la cosa più vicina alla perfezione nel tennis.

In conclusione, David Foster Wallance ci ricorda che: “Il genio non è replicabile. L’ispirazione, comunque, è contagiosa, e multiforme“.

Chapeau Mr Federer

Sito ufficiale: www.rogerfederer.com