Atp finals: Sinner fa sognare, ma vince Medvedev

Quasi una finale quella tra Jannik Sinner e Daniil Medvedev, chiusa al terzo dal russo ma con doppio match Point anche per l’italiano

Atp finals: Sinner fa sognare, ma vince Medvedev in tre combattutissimi set conclusi in favore del russo per 6-0 6-7 7-6.

Sembrava quasi una finale quella andata in scena poco fa in quel di Torino dove, in realtà, non ci si giocava null’altro se non la gloria.

I giochi erano già fatti con Medvedev già qualificato per la semifinale e Sinner, al di là del risultato, terzo nel girone.

Ma i due atleti, da veri professionisti, non hanno lesinato sullo spettacolo.

All’avvio un Jannik comunque in partita non è sembrato all’altezza del numero 2 al mondo che, senza troppa fatica, ha concluso in meno di mezz’ora il primo set con un secco 6-0.

La forza di Sinner è venuta fuori nel secondo parziale quando, al di là del risultato appena subito, ha tirato fuori gli artigli riuscendo a portare la partita ad un terzo, combattutissimo set per la gioia del pubblico presente che, come dicevamo, sembrava quello di una finale.

Daniil Medvedev, con un tennis tanto incisivo quanto sgraziato, è riuscito, com’è nel suo stile, a far innervosire il pubblico con atteggiamenti non proprio sportivissimi.

Quello che ha dato più fastidio è stato lo sbadiglio in faccia a Sinner dopo che questo lo aveva brekkato a suon di raffiche e vincenti da applauso.

O anche i game vinti a suon di ace e gli applausi nervosi dopo ogni punto messo a segno da Sinner con altrettanto boato del pubblico.

Ma il russo, sul finire del terzo set, è stato protagonista anche di un gesto molto sportivo concedendo il punto diretto a Sinner dopo un over rule del giudice di sedia.

Fatto sta che se Medvedev pensava di vincere facile, si è dovuto ricredere al punto da confermare, lui stesso, che Sinner è un osso duro e che, considerando la semifinale di sabato, sperava di chiudere prima ma il giocatore di casa non gliel’ha permesso.

Vince, quindi Daniil Medvedev su un Sinner , comunque, da spettacolo.