ATP FINALS: SEMPRE PIU’ NOVAK DJOKOVIC

Barclays ATP World Tour Finals
Tennis – Barclays ATP World Tour Finals – O2 Arena, London – 22/11/15Men’s Singles Final – Serbia’s Novak Djokovic celebrates with the trophy after winning the Barclays ATP World Tour Finals against Switzerland’s Roger Federer

Niente da fare per Roger Federer che si arrende in finale all’invincibile Novak Djokovic

Londra – Una finale scontata per un risultato scontato: Novak Djokovic, se ancora ce ne fosse bisogno, conferma la sua leadership e corona un anno di successi vincendo anche le ATP Finals.

A farne le spese un comunque ottimo Roger Federer che, dall’alto dei suoi 6 titoli nel Master di fine anno, ha giocato alla Federer, ovvero: tante discese a rete e colpi da applauso che, però, non sono bastati a piegare un perfetto Djokovic.

Suo l’incontro in poco più di un’ora e 20 minuti di gioco e peccato per il pubblico inneggiante a Federer, perché il serbo non si è fatto nè intimorire nè distrarre. Partito subito alla grande, Djokovic si è portato in vantaggio 3-1 nel primo set e non ha più lasciato scampo alla svizzero che ha liquidato con un veloce 6-3.

Più equilibrato il secondo parziale che è stato deciso quando Federer ha perso il servizio e si è ritrovato sotto 5-4.

Facile per il numero 1 al mondo concludere il match con punteggio finale 6-3 6-4.

E’ stato un anno lungo e faticoso, ma il migliore della mia carriera” ha commentato Novak Djokovic al termine dell’incontro che ha voluto dedicare al suo coach Boris Becker, oggi 48enne. ” Spero che questo trofeo basti al mio coach come regalo di compleanno” ha detto, infatti, il serbo.

Anno davvero spettacolare quello di Djokovic che conclude la stagione portandosi a casa:  3 titoli Slam, una finale persa al Roland Garros, 6 Masters 1000, 15 finali consecutive e la bellezza di 11 titoli.

Il valore dell’avversario lo riconosce anche Roger Federer che commenta la straordinaria annata di Nole dicendogli: “Complimenti Nole, il tuo è stato un anno folle!”.

Come non dargli ragione!

Info autore dell'articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.