Niente primato per Medvedev, in semi a Miami passa Hurkacz

Dopo l’eliminazione della testa di serie n° 2 cade anche la n° 1, questa volta per mano di Hurkacz vincitore su Medvedev per 7-6 6-3.

Niente primato per Medvedev, in semi a Miami passa Hurkacz che, contro ogni pronostico, batte la testa di serie numero 1 del torneo in due set.

Il polacco, detentore del titolo, prosegue la sua corsa nel secondo Masters 1000 di stagione e annulla ogni velleità di Medvedev verso la riconquista del primo posto nel ranking mondiale, che si sarebbe assicurato in caso di vittoria odierna.

Il Primo set inizia con Hubert Hurkacz al servizio e, a seguire, immediato break del polacco che finalizza per un comodo vantaggio di 3 giochi ad 0.

Daniil Medvedev si sblocca nel game successivo e accorcia le distanze ancora per poco, visto che il polacco allunga sul 4-1 mettendo a segno quattro punti di fila.

Si arriva al cambio campo sul 5-2 per Hurkacz e servizio Medvedev che accorcia le distanze per poi pareggiare i conti sul 5 pari.

Ma Hurkacz fa suo il game che diventa tie-break grazie ad un veloce turno di servizio messo a segno dal russo.

Situazione di sostanziale pareggio tra i due e, alla fine, sull’8-7 Hurkacz mette a segno il punto che gli regala il primo set.

Nel secondo parziale si mantengono i turni di servizio fino al 2 pari con scambi molto lunghi (si arriva a 26!) e stesso livello per entrambi i giocatori.

Il primo a fare il break è Hurkacz che si porta avanti per 3 giochi a 2 con Medvedev che inizia a dare segni di stanchezza e, sul 3-4 per il polacco, chiede l’intervento del medico, probabilmente per dolori allo stomaco.

E, intanto, Hurkacz allunga sul 3-5 e riesce ad annullare entrambe le chance del 4-5 che il russo prova mettere a segno.

Al match point Hurkacz non sbaglia e si aggiudica l’incontro con il numero 2 al mondo, che tale resterà, per 7-6 6-3 in 2 ore e 3 minuti di incontro.

Dopo la sconfitta del numero 2 del seeding, Alex Zverev per mano Casper Ruud, arriva anche quella del numero 1 in un torneo che ha riservato numerose sorprese, non ultima, il ritiro di Sinner.

Per il polacco detentore del titolo è tempo di semifinale dove attende il vincitore tra Alcaraz e Kecmanovic, in campo stanotte.