Berrettini avanza, un pò a fatica, a Phoenix

Continua il percorso di Matteo Berrettini al Super Challenger in Arizona dove vince per 7-5 7-6 contro Vukic

Berrettini avanza, un pò a fatica, a Phoenix dove è in corso il Super Challenger 175 che vede il tennista romano accreditato come numero 1 del seeding.

Matteo ha scelto questo torneo per mettere un pò di tennis nelle gambe dopo l’ uscita anticipata da Indian Wells.

E dopo un primo turno positivo nel derby contro Mattia Bellucci, oggi era il turno di Aleksandar Vukic, numero 186 del mondo e con una trentina di partite giocate in carriera a livello Atp.

Sulla carta tutto facile, eppure l’australiano è riuscito ad impensierire l’ azzurro.

Il break nel primo set è arrivato, infatti, solo all’11° game e, per assicurarsi il match, Matteo ha dovuto attendere il tie break dove, peraltro, si è ritrovato anche in svantaggio.

Nulla da dire sulle capacità di gioco di Matteo, ovviamente ben al di sopra di quelle dell’australiano, eppure il risultato parla chiaro: manca ancora qualcosa; che sia un problema di tipo fisico o semplicemente di fiducia che ancora vacilla, ma qualcosa su cui lavorare sicuramente c’è.

Dopo il 7-5 7-6 in un’ora e 40 minuti di gioco, Matteo Berrettini sfiderà ora, ai quarti di finale, Alexander Shevchenko e, in caso di vittoria, si ritroverà in semifinale contro il vincente tra l’americano Kovacevic e il francese Halys.

Info autore dell'articolo