Rune si conferma campione a Monaco

Il 19enne danese vince al terzo set contro un van de Zandschulp  che serve per tre volte invano per il titolo e manca quattro match point!

Rune si conferma campione a Monaco per la seconda volta consecutiva, come solo a Sascha Zverev era riuscito di fare.

Una finale, quella tra Holger Rune e Botic van de Zandschulp  che ricorda quella dello scorso anno, quando i due si incontrarono e ad aver la meglio fu il danese a causa del ritiro del suo avversario per alcuni dolori al petto.

Quest’anno, invece, la finale si è giocata con entrambi i giocatori pronti alla conquista di ogni singolo punto.

Qualche problema alla spalla e solito piglio nervoso per Rune che, nel terzo set, sotto 5-2 riesce a recuperare fino al 4-5 quando, sulla palla break, gli si gira la caviglia destra. 

Immaginate la reazione del danese quando, alla richiesta di fasciatura nel corso del medical time out, gli viene risposto di attendere il cambio campo!

Di fatto van de Zandschulp subisce il secondo break di fila e Rune, visibilmente in difficoltà negli spostamenti verso destra, perde il servizio.

Siamo sul 6-5 per Botic che, per la terza volta, va a servire per il match. 

Si risolve tutto in un nulla di fatto con Van de Zandschulp che spreca altre due match point e subisce nuovamente il break.

Si decide tutto al tie break ma, inspiegabilmente, l’olandese continua a giocare sul rovescio di Rune che, da quel lato, sente meno l’impatto dovuto alla caviglia.

Holger, ovviamente, ne approfitta e lascia solo tre punti al suo avversario festeggiando così il primo titolo ATP del 2023 nonché quarto in carriera su sette finali giocate.

Monaco festeggia Holger Rune che si impone per 6-4, 1-6, 7-6(6) su Botic van de Zandschulp, giocatore comunque molto solido e combattivo.

Info autore dell'articolo