Rublev squalificato a Dubai

Incredibile squalifica del giocatore russo impegnato nella semifinale del 500 contro Alexander Bublik

Rublev squalificato a Dubai mentre era impegnato a giocare la semifinale dell’ATP 500 contro Alexander Bublik.

I fatti ci dicono che, nel momento cruciale del terzo set, al kazako viene assegnato il punto del 6-5 giudicato da Rublev fuori.

Alla chiamata è seguito il disappunto del russo che avrebbe apostrofato  un “linesman” nella sua lingua natale definendolo un “fo…to deficiente” . 

Pare che uno dei giudici presenti, e di lingua russa, abbia informato l’arbitro di sedia, Miriam Bley il quale, consultato il supervisor, abbia deciso di squalificare Andrej Rublev

Inutile la difesa del giocatore che ha continuato a ripetere di  non essersi mai espresso in russo e squalifica decisa per mano del supervisor del torneo, Roland Herfel, intenzionato a sanzionare un comportamento fuori luogo nei confronti dell’ufficiale di gara. 

L’uscita di scena forzata avrà, come conseguenza, la privazione del premio in denaro e dei punti in classifica guadagnati nel torneo.

Stupito anche Bublik che avrebbe preferito continuare a giocare e che, in conferenza stampa, si è detto convinto sostenitore delle chiamate elettroniche, meno soggette, secondo lui, all’errore umano.

Al giocatore russo non resta ora, che affidarsi al ricorso da presentare all’ATP.

Info autore dell'articolo