L’ira di Rublev a Barcellona per la sconfitta all’esordio

Incontenibile Andrej Rublev che, sconfitto da Nakashima all’esordio del torneo, se la prende con la racchetta sfasciandola

L’ira di Rublev a Barcellona per la sconfitta all’esordio contro Brandon Nakashima è un qualcosa che già conoscevamo, ma che speravamo non si ripetesse.

E, invece, complice il momento nero del russo, oggi al suo quarto KO consecutivo, ecco che il raptus di nervosismo è tornato.

Rabbia che già nel corso del match aveva fatto capolino, soprattutto dopo errori palesi di Andrej Rublev incontenibile nei suoi sfoghi anche verso il suo angolo.

Dato come n° 1 del seeding qui a Barcellona dopo il ritiro di Alcaraz, Rublev sembrava non darsi pace per il fatto che i suoi colpi non erano abbastanza incisivi.

Arrivati al tie break con un Nakashima sempre e comunque concentrato, Rublev continua nel suo show lanciando la racchetta per aria dopo un colpo finito in rete per poi, sul match point, dare letteralmente di matto e distruggere la racchetta sbattendola ripetutamente sul terreno.

Il Russo, tornato calmo dopo lo sfogo, ha salutato tanto l’ arbitro quanto l’ avversario dovendo necessariamente accettare, come dicevamo, la quarta sconfitta consecutiva.

Brandon Nakashima, n° 87 del ranking, vince dunque per 6-4 7-6 e ora attende Etcheverry.

Info autore dell'articolo