Coppa Davis: clamoroso KO dell’Italia che si arrende al Kazakistan

fognini_coppa_davis_15

I kazaki ribaltano il risultato favorevole all’Italia e si portano sul 3-2 grazie alla vittoria di Nedovyesov su Fabio Fognini.

Astana – Un week end da dimenticare quello degli azzurri impegnati in Kazakistan per il primo impegno di Coppa Davis del 2015.

La mattinata è cominciata, infatti, davvero male con la sconfitta di Andreas Seppi contro Mikhail Kukushkin per poi chiudersi anche peggio visto l’ulteriore sconfitta di Fognini che ha sancito il KO finale per la nostra nazionale.

Con il senno di poi è sempre facile trarre conclusioni, ma a Barazzutti sul 2-2 sarà sembrata la scelta più ovvia mandare in campo un Fabio Fognini, sempre vincente su Golubev, numero 91 nel ranking ATP.

Peccato che la strategia dei kazaki sia cambiata proprio nel momento in cui hanno realizzato che sarebbe sceso in campo Fognini! E così, al posto di Golubev, la scelta kazaka è ricaduta su Aleksandr Nedovyesov, numero 130 al mondo.

Il senno di poi ci dice che, conoscendo la “fragilità” emotiva di Fognini, forse non era il caso di mandarlo in campo in un match che si sarebbe giocato più che sulla tecnica sulla tenuta mentale. A questo c’è da aggiungere che un pubblico non sempre corretto e alcune chiamate dei giudici di linea al limite dell’assurdo, avranno anche contribuito a togliere concentrazione e sicurezza.

Fatto sta che Fognini, partito non proprio alla grande, ha saputo girare la partita portandosi sul 2-1 nel terzo set dopo aver perso il primo al tie-break.

E poi? Poi è successo che a Nedovyesov ha smesso di “tremare” il braccio e la paura si è trasformata in voglia di vincere! Dall’altro lato del campo, invece, un Fognini lontano dal suo bel gioco ha subito il kazako e, con tutta probabilità, anche il tifo e gli errori arbitrali.

Non si cercano scappatoie perché, di fatto, Fabio ha anche commesso svariati errori e peccato se dal 1-4 nel quinto set è riuscito a portarsi sul 5-4 facendoci credere che tutto, forse, era ancora possibile. Non lo era, purtroppo e l’ace finale di Nedovyesov con riga colpita per un soffio, ci ha fatto riaprire gli occhi su un week end tutto da dimenticare!

Tre ore e 40 di incontro sul cemento indoor del National Tennis Centre di Astana, quello di Fabio Fognini con Aleksandr Nedovyesov con score finale di 7-6 (5), 3-6, 4-6, 6-3, 7-5 a favore del Kazakistan che passa, dunque, ai quarti di finale della Coppa Davis.

Per l’Italia restano, ora, i playoff da giocarsi contro avversario che conosceremo solo a luglio.

La speranza, ora, è quella di non retrocedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.