Fed Cup 2017: fra le convocate manca Roberta Vinci

Fed Cup 2017: fra le convocate manca Roberta Vinci e, ovviamente, Camila Giorgi. Presenti, invece, le giovanissime Jasmine Paolini e Martina Trevisan.

Fed Cup 2017: fra le convocate manca Roberta Vinci , ma anche Karin Knapp.

La neo capitana Tathiana Garbin, ha reso nota la lista delle ragazze convocate per l’incontro dell’Italia contro la Slovacchia nell’ambito del primo turno del World Group II di Fed Cup.

Incontro non semplice, come anticipavamo qualche tempo fa, alla luce, inoltre, delle ulteriori complicazioni in casa Italia.

Alla Garbin non sarebbe dispiaciuto, infatti, convocare Camila Giorgi, ma le recenti decisioni del Tribunale Sportivo hanno allontanato definitivamente questa possibilità, comminando all’atleta di Macerata una squalifica di 9 mesi.

Fuori dai giochi anche Karin Knapp per problemi fisici non ancora sistemati e assente, come dicevamo, anche Roberta Vinci.

La Garbin ha, pertanto, convocato: Sara Errani, Francesca Schiavone più le giovanissime Jasmine Paolini e Martina Trevisan.

Sull’altro versante: Dominika Cibulkova, n.5 del mondo, è la grande assente fra le fila della Slovacchia.

Per quanto riguarda le scelte della Garbin, c’è da sperare che Sara Errani recuperi la forma dopo gli acciacchi patiti in Australia e che la navigata esperienza di Francesca Schiavone sia da traino per la prima esperienza in Fed Cup delle neo convocate Paolini e Trevisan.

Le due atlete sono state premiate dalla Garbin per gli ottimi livelli raggiunti nel corso della stagione 2016 e per le posizioni raggiunte nel ranking WTA.

Certo l’assenza della Giorgi, e forse anche della Vinci, sarà una bella tegola per Tathiana Garbin che, da ex atleta, accetta la sfida e gioca le sue carte.

Vedremo a breve se il ricambio generazionale innestato dalla Garbin darà i suoi frutti visto che l’appuntamento con la Fed Cup è fiatato sui campi in terra rossa di Forlì i prossimi 11 e 12 febbraio.

Fed Cup 2017: fra le convocate manca Roberta Vinci , ma le giovani Paolini e Trevisan sono più che pronte a raccogliere l’eredità.

In bocca al lupo alle nostre ragazze.