Il Min Abodi si schiera con Jannik Sinner

Il Ministro dello sport Andrea Abodi esalta le doti sportive e umane di Jannik Sinner chiedendo più coerenza e partecipazione a tutti.

Il Min Abodi si schiera con Jannik Sinner a margine di un intervento all’evento “Italia le radici della bellezza” organizzato nel siracusano.

E’ fermo il pensiero del Ministro Andrea Abodi che abbiamo conosciuto ad Expo Aid Rimini 2023 e che, nello svolgimento del suo incarico, prosegue nell’affermare l’importanza della partecipazione e della condivisione, anche a livello sportivo.

Ed ecco dunque la “tirata d’orecchie” a chi ha criticato Jannik Sinner per non aver partecipato alle fasi finali della Davis Cup in quel di Bologna, per poi ricredersi ed ergerlo a simbolo nazionale nel momento in cui è arrivato il trionfo a Bejiing.

“Mi dispiace che sia stato male interpretato; noi siamo spesso primi al mondo nell’interpretazione a seconda del momento e delle circostanze restando in superficie, senza andare in profondità nelle scelte e decisioni. Sembrava un traditore della patria, adesso è diventato l’emblema dello sport italiano. Ci vorrebbe un po’ più di equilibrio”

Ha commentato il Ministro che si è profuso in complimenti al tennista altoatesino giudicato come “ragazzo fantastico” sia fuori che dentro il campo e con: 

“Tutte le caratteristiche e capacità tecniche e fisiche, anche psicologiche e morali per crescere ancora”.

Il Ministro dello sport e dei Giovani chiede, dunque, più solidarietà nei giudizi e più partecipazione alla vita sociale del Paese. Nel suo caso, lo ricordiamo, la firma della Carta dei Diritti delle persone con Sclerosi Multipla è stato un atto di coscienza nei confronti di quelle persone fragili che devono avere la facoltà di poter fare ogni cosa, sport compreso.

L’invito del Ministro alla partecipazione sociale passa anche da qui: dalla firma della Carta dei Diritti che chiunque di noi può fare collegandosi al sito di AISM, Associazione Italiana Sclerosi Multipla. 

Info autore dell'articolo