US OPEN: Del Potro ko, il Re è Djokovic | Real Tennis
Real Tennis

US OPEN: Del Potro ko, il Re è Djokovic

US OPEN- Del Potro ko, il Re è Djokovic

Rispettata la previsione: Djokovic sconfigge Del Potro in tre set con il punteggio di 6-3, 7-6 (4), 6-3, si aggiudica il suo secondo Slam di stagione e raggiunge Sampras a quota 14 titoli

US OPEN: Del Potro ko, il Re è Djokovic

Le aspettative non sono state tradite: Novak Djokovic era il favorito e Novak Djokovic ha vinto.

Il Serbo sale, dunque, a quota 3 titoli dello Slam americano per un totale di 14 Major vinti fino ad oggi e 2 conquistati in questa stagione (Wimbledon e Us Open).

Vittoria in tre set su Juan Martin Del Potro che non ha di certo sfigurato, ma nulla ha potuto contro gli attacchi del serbo che tante volte lo ha colto in fallo sulle palle a uscire.

Del Potro ha confessato di aver pianto al termine di quella che lui stesso ha definito: “Una dura sconfitta“.

A onor del vero l’incontro è terminato in tre set con il punteggio di 6-3, 7-6 (4), 6-3 in 3 ore e 16 minuti di gioco.

Djokovic grazie a questo titolo eguaglia il suo idolo, lo statunitense Pete Sampras. Davanti al serbo (per numero di titoli negli Slam) ci sono lo spagnolo Rafa Nadal, costretto al ritiro a New York proprio contro del Potro, con 17, e lo svizzero Federer, fuori al quarto turno, con 20.

La vittoria di oggi è stata attribuita dal giocatore serbo all’amore delle persone che gli vogliono bene e che lo hanno sempre sostenuto: la famiglia, i figli e i componenti del suo team.

A premiare Nole il quattro volte campione del torneo americano,  John McEnroe.

E’ qualcosa di speciale questo risultato, così come l’aver eguagliato Pete Sampras” – ha dichiarato il giocatore serbo – che ci ha tenuto a congratularsi con l’avversario per la partita giocata, ma anche per la perseveranza e l’impegno dimostrati in questi anni di stop per i problemi al polso e recupero fino ai livelli odierni.

US OPEN: Del Potro ko, il Re è Djokovic che sale, dunque, al terzo posto con Juan Martin Del Potro che cede la posizione e scende la numero 4 del ranking mondiale.